II semestre: tra lezioni e escursioni…

Buon pomeriggio,

Era da tanto che non scrivevo, per questo oggi ho deciso di aggiornarvi un po’.

Premetto di avere qualche difficoltà tecnica per scrivere e caricare foto, perché al momento non ho un pc molto efficiente, infatti la prossima volta che sono in viaggio cerco di utilizzare il mio tablet, in modo da poter lavorare con più facilità.

Allo stesso tempo mi sono preso una pausa per impegni a lavoro e con l’università. Per quanto riguarda il lavoro, infatti, da gennaio sto lavorando in un panificio come commesso, sia per cercare di sfruttare al massimo quest’esperienza, dato che siamo abbastanza vicini alla fine (ho un contratto Erasmus fino a fine luglio), sia per avere una maggiore indipendenza economica. Devo dire che, tutto sommato, sono soddisfatto dell’esperienza e anche grato di avere ricevuto questa possibilità, soprattutto dopo aver cercato molto di trovare un lavoro.

Per quanto riguarda l’università, invece, oltre agli esami standard a cui sono abituato in Italia, ho dovuto scrivere un saggio (in tedesco il cosiddetto Hausarbeit). E’ stato un lavoro abbastanza pesante: non avevo mai scritto un saggio di 20 pagine in tedesco, l’argomento era di pura toeria (di linguistica tedesca)  e la mia difficoltà principale e’ stata scrivere in modo accademico. Ho dovuto, inoltre, cambiare il lavoro più volte, fino a poterlo consegnare dopo circa tre settimane. Dopo questa esperienza posso dire che in Italia non siamo abituati molto alla scrittura accademica e questo, aggiunto ad un lavoro scritto in una lingua straniera, crea qualche difficoltà. Questo, a mio avviso,  crea anche problemi per la stesura della tesi, perché si passa dal sostenere esami per circa tre anni  a scrivere un lavoro accademico per il quale non ci sono mai state concrete possibilità di esercitarsi.

Chiusa la parentesi degli esami, ne apro una riguardante i corsi, che ho ripreso ad inizio mese. Ora sento di avere una visione più ampia del sistema universitario tedesco, quindi posso sicuramente dare una mia opinione più dettagliata. Il lato positivo, secondo me, è il modo in cui vengono insegnate le lingue, perché si punta molto sugli esercizi di speaking; inoltre, nell’università di Paderborn sono offerti tanti corsi di lingua. Lo stesso discorso vale per gli altri corsi: c’è molto dialogo e si punta molto a far sviluppare il senso critico degli studenti . Tuttavia, ci sono anche aspetti che ho accettato con difficoltà, come il dover prenotarsi a dei corsi: questo mi ha causato qualche problema, perché in alcuni casi ho dovuto seguire corsi di un livello molto alto o scegliere comunque un corso che non rispecchiava i miei reali interessi. Altro aspetto che non mi entusiasma è lo svolgimento delle lezioni. In Italia (per quanto il carico di studio sia alto) seguire un corso ti porta ad avere effettivamente una buona conoscenza degli argomenti, mentre qui è diverso: sostanzialmente una settimana prima di una lezione, gli studenti devono leggere dei documenti online, quasi per arrivare già preparati a lezione. Se da un lato capisco il motivo (sicuramente avere alcune conoscenze sull’argomento di cui si discute è un vantaggio), dall’altro mi sembra inadeguato andare a lezione per fare una ripetizione o una discussione molto generale. In altre parole, va bene l’autonomia, però gli argomenti dovrebbero essere analizzati in modo più dettagliato a lezione. Tra pro e contro, comunque, la  consapevolezza principale che ho è di voler chiudere con il mio percorso di studi e puntare sulla carriera, perché (almeno per come mi sento adesso e per i tanti sforzi fatti fino ad ora) sento di aver dato già abbastanza in università.

Chiusa la parentesi accademica, vi parlo un po’ di qualche posto carino che ho visitato. Iniziamo con Enschede, città in Olanda, raggiungibile con il ticket semestrale. Lì abbiamo anche rincontrato un ragazzo che ha trascorso il primo semestre a Padeborn. Ho deciso di postarvi la foto dell’uscita della stazione, dove ci sono due enormi altalene circondate da questo mix di colori. A seguire un ristorante italiano con questa simpatica vetrina, dove c’è scritto “Sono italiano, per questo non posso mantenere la calma… Capisci?”, una foto scattata mentre ho passaggiato in città, un parco e il cibo che ho provato, cioè il Chocomel, simile ad una cioccolata fredda, e i Kanjers, deliziosi Waffles al caramello.

Un altro giorno, invece, siamo stati ad Externsteine, un complesso di rocce molto alto (non è l’ideale per chi soffre di vertigini), la cui importanza storica si è affermata sin dal Medioevo. Se siete curiosi sulla storia o un giorno volete visitarlo, consiglio vivamente di cercare più informazioni. A seguire abbiamo fatto un’escursione a Detmold (abbiamo camminato davvero tanto, proprio nel rispetto dello spirito tedesco, che esprime nel verbo Wandern non solo un lungo cammino, ma un profondo contatto con la natura), dove consiglio di vedere questa statua dedicata all’imperatore Arminio, capo della tribù germanica che sconfisse i Romani durante la battaglia della foresta di Teutoburgo.

Infine due foto di Lippstadt, città vicina a Paderborn, che io e il gruppo di amici che mi hanno accompagnato abbiamo scelto proprio per la vicinanza: eravamo abbastanza stanchi, quindi abbiamo cercato di trovare un giusto compromesso. Oltre ad un mercato e ad un’ottima gelateria dove ci siamo fermati, ho trovato interessante questa struttura a graticcio, molto tipica (come accennato anche in un altro articolo) e le rovine di questa chiesa, che si trovano in un parco vicino ad un centro abitato.

Bene… per ora è tutto. Spero di aggiornarvi presto e di aver compensato, con un articolo più lungo del solito, la mia assenza.

Raffaele

 

 

Autore: raffaelechirico

Raffaele Chirico, 22 anni e studente di lingue e culture straniere. Appassionato di lettura, scrittura, nuoto e serie tv. Raffaele Chirico, 22 years old and student of foreign languages and cultures. I like reading, writing, swimming and watching Tv series.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...